Cenzì

Cenzì

Finalista della seconda edizione del Concorso musicale Verdi Rap con la canzone Il fornaio e la casalinga

Prod. Brisk

Testo di Il fornaio e la casalinga

Dialetto di San Paolo di Civitate (FG)

STROFA 1

Otell’ fatij tutt’ i nott’, ‘mbast ‘u pen’ fin i iott

cerc nu’ paradis inda n’infern ca dà sul’ sold e mort

vo nu’ sorris da dunà a chi l’aspett quann rep a port

sop I spall te i frustet d’na vit’ che è stet corrott.

 

A ‘stu munn te duj crjatur doc’ com’ a colazion

ca pr’per ognj iurn a mugghjer “Desdemon’ ‘u cor bon”

quist’ è u’ nom’ ca l’ha miss quann è net l’amor

prim iev’n vers d’ passion’ e mo so sul’ mazzet’ d’ossession’.

 

Iess è bell’, capill soff’c, c duj men’ lev’ a pov’l

c’ pighj cur d’ nù nid’ andò nascono’ tutt u’ vom’c

ie’ nù fil ca leg’ nù nuclj che è pront a romp’rc

“Marit’ mì turn’ sop’ sti pass, ij t’ voj iess sep compl’c”

 

Scavz, com i pass fatt sop na spiagg’, spij u’ paesagg’

R’cord ancor l’emozion’ e u’ sol’ du mes’ d’ magg’

te nù cor’ ca’ c iett for, esplod’ s penz’ a jiss

ma Otell’ n’ je chiù jiss da quann n’chep tè chiù fiss.

 

RIT.

Lo so (campione) qua dorm’n i crjatur

mò ca si mì ji n’ teng’ chiù paur’

e mò sint’ amore mì è u’ rumor’ dù mer’ ca c’rchev’

tè purtet’ u’ pen frisc’c e pur’ nù vasett d’ marm’llet’.

 

STROFA 2

Otell’ sent’ ‘na distanz’ e n’ ved nù motiv’ p’ ji ’nanz

vuless’ turnà in da ‘na fav’l ma tè l’occhj delirant’

alcolist’ da nù sec’l ved disprezz’ e tradiment’

è g’los d’ nà felicità addò n’ sent’ l’appartenenz’.

 

Ha vist’ qualche chat e qualche sorris’ d chiù

e mo penz: “Desdemon’ vò sul’ na nov’ Maliboo”

p’ jess sugna è na capacità ca ancor’ viv’ nonostant’

a sofferenz’ ca prov’ quann c trov’ a testa in giù.

 

Iess port Otell’ com’ na perl’ inda na conchiglj

sul’ u’ s’lenzj sep che in gremb’ sta nascenn’ u’ terz’ fighj’

i second’ c perd’n’ dret a lucc’, bullett’ e affitt

ma stanott’ Otell’ n’ tè u’ pen ma nù curtell’ e u’ cor’ afflitt’.

 

Vritt, com’ a follij che incomb dind l’anm

selvagg’ com’ chi sfonn’ a port e vo chied a vit’ ao diav’l

“Quist’ è u’ bec ca tì lass e a prumess ca t facc 

è ca c r’vdim sop nata terr, mo mur’ zitt e bast”

 

RIT.

 

Traduzione in italiano

STROFA 1

Otello lavora tutte le notti fino alle otto del mattino

cerca il paradiso in un inferno che gli dà solo soldi e morte

vorrebbe un sorriso da donare chi l’aspetta quando apre la porta di casa

sulle spalle ha la pesantezza di una vita che è stata ingiusta.

 

Ha messo al mondo due figli dolci come la colazione

che prepara ogni giorno la moglie “Desdemona dal cuore buono”

questo è il nome che le mise quando sbocciò l’amore

prima erano versi di passione ora la picchia per via dell’ossessione.

 

Lei è bella, ha i capelli soffici, con le mani toglie la polvere

si prende cura del suo nido, lo stesso dove nasconde i suoi malesseri

lei è il filo che mantiene legato questo nucleo che è pronto a rompersi

“Marito mio, torna sui tuoi passi, io voglio essere la tua complice”.

 

Lei ricorda le passeggiate fatte su quella spiaggia mentre ricorda ancora il paesaggio,

l’emozioni provate e il sole del mese di maggio

ha un cuore così grande che esplode quando pensa a lui

ma Otello non è più lui da quando in testa ha molte paranoie.

 

RIT.

Lo so (campione) qui dormono i bambini

Ora che sei mia io non ho più paura

Ascolta amore mio, è il rumore del mare che cercavi

Ti ho portato il pane appena sfornato e un vasetto di marmellata

 

STROFA 2

Otello sente una distanza e non ha un motivo per andare avanti

vorrebbe tornare in una favola ma ha gli occhi deliranti

alcolista da molto tempo, vede disprezzo e tradimento

è geloso di una felicità in cui non si sente considerato.

 

Ha visto delle chat e dei sorrisi in più

ora pensa che Desdemona cerca una nuova Maliboo (nuova vita)

per lei sognare è una capacità che ancora vive nonostante la sofferenza che prova quando si trova a testa in giù (quando viene picchiata).

 

Lei custodisce Otello come una perla in una conchiglia

solo il silenzio sa che in grembo sta nascendo il terzo figlio

i secondi si perdono dietro urla, bollette e affitto

Otello questa notte tra le mani non ha il pane ma un coltello e il cuore afflitto.

 

È sporco come la follia che incombe nella sua anima

selvaggio come chi butta giù una porta e vuol chiedere la vita al diavolo

“Questo è il bacio che ti lascio e la promessa che ti faccio è che ci rivedremo su un’altra terra, ora muori, facciamola finita”

 

RIT.

 

Credits photo Matteo Mora